Caciocavallo ragusano: storia di uno dei prodotti più antichi della nostra isola

e come lo utilizziamo nel nostro ristorante creativo a km0

Il caciocavallo ragusano è uno di quei formaggi che dovete provare almeno una volta nella vita.

Il Ragusano DOP è uno dei formaggi più antichi della tradizione siciliana!

La sua storia

È stato riconosciuto come prodotto tipico nel 1955 con D.P.R. n. 1269 e ha ottenuto la Denominazione d’Origine nel 1995 per poi, l’anno successivo, essere insignito della certificazione DOP che fa riferimento alle forme prodotte con latte vaccino ottenuto da mucche di razza Modicana proveniente dal territorio della provincia di Ragusa e dei comuni di Noto, Palazzolo, Acreide e Rosolini nella provincia di Siracusa.

Che sapore ha? Che forma ha?

È un formaggio semiduro a pasta filata prodotto esclusivamente con latte vaccino. È confezionato a forma di parallelepipedo a sezione quadrata con angoli smussati. Il lato della faccia quadrata varia dai 15 ai 18 centimetri, la lunghezza è compresa tra i 43 e i 53 centimetri, mentre il peso è di 10-16 chilogrammi. La crosta, di colore giallo paglierino intenso, è liscia e sottile e racchiude una pasta compatta ed omogenea con lievissima occhiatura. Ha un colore che varia dal bianco al giallo paglierino intenso, in base alla durata della stagionatura che si protrae per un periodo minimo di 4 mesi e può raggiungere l’anno. Il sapore è molto delicato, dolce e gradevole per le forme più giovani, leggermente piccante e saporito per quelle più mature.

Come lo utilizziamo nel nostro ristorante

Noi lo amiamo!
E anche voi sembrate apprezzarlo, visto che uno dei piatti che ordinate più di frequente.

Il caciocavallo ragusano qui al Manaki lo serviamo alla piastra con una confettura di capperi di nostra produzione e miele millefiori degli iblei.

Volete provarlo?

Venite a trovarci in Via dei Normanni 35 a Ragusa!

Leave a Comment